Home Page     Logo    Chi Siamo    Finalità    Attività     Ctg    5XMille

 

A.G.A.PE. – “Associazione Gioia e Amicizia per la Pelle ha per scopo la promozione e l’attuazione d’iniziative di carattere sociale, artistico, culturale, ambientale e civile, curando altresì tutti gli altri aspetti utili a perseguire il fine della solidarietà e dello sviluppo civile, culturale e sociale.

Operativa sul territorio di Bracigliano dal 01 Settembre 2002, ha al suo attivo già diverse iniziative e incarichi assistenziali assegnati dal Comunale:

Dal 07 ottobre 2002 al 31/05/2003

Servizio Assistenza Scolastica Materiale

presso l’Istituto Comprensivo di Bracigliano

Delibera G.M. n° 238 del 02/10/2002.

* * *

Stesso periodo

Servizio Mensa Scolastica

presso le Scuole Materne del suddetto Istituto.

Delibere G. M. n° 237/ del 02/10/2002, e 293 del 30/12/2002

 * * *

Dal 21 ottobre 2002 al 31/05/2003

Servizio Pre-Scuola,

presso la Scuola Elementare, Plesso di S. Nazario, sempre del citato Istituto.

Delibere G. M. n° 243 del 11/10/2002, e 292 del 30/12/2002

* * *

Dal 1 gennaio 2003 al 31 ottobre 2003

Servizio di Distribuzione Buste per la Raccolta Differenziata dei Rifiuti Solidi Urbani

Delibera G. C. n° 1 del 08/01/2003

Il 16 dicembre 2002, l’associazione ha firmato una Convenzione, triennale, di Tirocinio con l’Università di Salerno, in particolare con il Dipartimento di Scienze dell’Educazione.

 Attività socio-culturali sono state svolte in collaborazione anche con altre associazione presenti sul territorio, in particolare:

§         “INSIEME PER UN NATALE DI PACE” 2003Organizzazione della FESTA SOCIO-ARTISTICO-CULTURALE in occasione della Festa della Mamma denominata “Dolce Mamma” per il coinvolgimento di bambini in condizioni di disagio, svoltasi l’11 maggio 2003.

§         Manifestazione in occasione del CARNEVALE con la partecipazione alle sfilate dei carri svoltesi il 23 febbraio e il 2 e 4 marzo 2003 con la realizzazione di un carro vivente con ragazzi e ragazze raffiguranti maschere tradizionali;

§         ha collaborato con il Comune di Bracigliano e il Parco Letterario “Lo Cunto de li Cunti” nella realizzazione di attività natalizie e in particolare della manifestazione “ARRIVA BABBO NATALE” per la rivalutazione e riqualificazione della figura di Babbo Natale quale fiaba popolare contemporanea. Svoltasi il 23 dicembre 2002;

§         ha collaborato, con la Parrocchia, la Caritas e il Terz’ Ordine Francescano, nella organizzazione di una tavola rotonda sul tema : “LA RICERCA DELLA FELICITÀ E IL DISAGIO DELLA VITA QUOTIDIANA”  per la promozione di una migliore qualità della vita e un’attenzione maggiore a quanti vivono il disagio prendendo esempio dalla santità del medico G. Moscati uomo contemporaneo e conterraneo. Svoltosi il 16 novembre 2002;

 Tutte le attività dell’associazione sono rivolte ai bambini che vivono in situazioni di disagio, alle famiglie meno abbienti, agli anziani soli e agli extracomunitari.

I nostri scopi sono questi, per cercare quanto più possibile di ridurre l’emarginazione degli anziani lasciati in abbandono; delle famiglie economicamente e culturalmente disagiate; dei ragazzi che non seguiti dalla famiglia, quasi sempre anch’essa in condizione di disagio, sono portati alla devianza.

A questi scopi sono finalizzate tutte le nostre manifestazioni culturali, artistiche ecc. che hanno sia la finalità di coinvolgere le persone sia di raccolta di fondi per operare poi ancora e sempre nel sociale.

 

Indietro

 

 

 

 

 

PROGETTO NATALE 2003

 OGGETTO: progetto natalizio, per attività sociali, denominato “INSIEME PER UN NATALE DI PACE” consistente in attività di animazione serale e feste per il coinvolgimento e la socializzazione di persone anziane sole, bambini da 4 a 10 anni e famiglie in condizione di disagio fisico, sociale ed economico, nonché extra comunitari.

 RELAZIONE

Premessa

L’associazione A.G.A.PE. operante sul territorio di Bracigliano (SA) ha come scopo attività sociali rivolte non solo ad anziani soli ma anche a quanti, piccoli e grandi, si trovano in condizione di disagio, fisico, sociale ed economico. Questo perché essendo un territorio con una popolazione di circa 5.250 abitanti si ha la fortuna di non avere particolari problemi perciò riusciamo, attualmente, ad occuparci, nel nostro piccolo, di tutte le problematiche presenti.

Negli ultimi anni è andata diffondendosi anche una numerosa comunità di extra comunitari verso i quali non manchiamo di avere un occhio attento. L’iniziativa che vuole vederci promotori nel rendere protagonisti chi non lo è più o chi non lo è mai stato, è alla sua seconda edizione.

 Obiettivi

I nostri obiettivi sono: il coinvolgimento, la socializzazione e l’integrazione di quanti si trovano, per vari motivi, ai margini della società. Pertanto, lo scopo è di invitare, attraverso contatti personali, quanti sono nel bisogno e proporgli le nostre iniziative affinché possano esserne i protagonisti. Nello stesso tempo proporre l’invito, con volantini, a tutti e permettere con l’aiuto degli operatori l’integrazione per vivere insieme un Natale di pace e serenità.

 Iniziativa

Insieme per un Natale di Pace” vuole dare la possibilità a quanti: anziani soli, bambini e ragazzi nonché famiglie che vivono in condizione di disagio fisico, sociale o economico ed extra comunitari di vivere il Natale 2003 da protagonista facendoli partecipare ad attività di animazione per tutte le fasce deboli e feste mirate per bambini e adulti. Pertanto, si organizzeranno tombolate pomeridiane per tutto il periodo natalizio, il pomeriggio del 23 dicembre con “Arriva Babbo Natale” si consegneranno in una pubblica manifestazione dei regalini a quei bambini e ragazzi che non riceveranno, come altri bambini, i regali di natale.

Infine domenica 28 dicembre un gran pranzo per festeggiare con anziani, famiglie in difficoltà ed extra comunitari la fine dell’anno. Il tutto si concluderà con la tombolata del 6 gennaio.

 Attività

“Insieme per un Natale di Pace” avrà inizio il giorno 8 dicembre con la partecipazione, per quanti vorranno, alla messa per la festività dell’Immacolata Concezione, o presso il Convento dei Francescani alle ore 10.00 o preso la Chiesa parrocchiale alle 11.30. Nel pomeriggio dalle ore 16.00, presso la sede associativa, si aprirà la tombolata 2003. Tutte le sere, dal lunedì al venerdì, dalle ore 15.00 e il sabato e la domenica dalle ore 16.00 ci si comincerà a radunare per la tombolata. Quanti saranno impossibilitati a raggiungerci con i propri mezzi i volontari dell’associazione si preoccuperanno di andarli a prendere e riaccompagnare. I regali da mettere in palio, (un applauso per ambo, terno quaterna e cinquina) solo per la tombola, saranno piccole cose che ci preoccuperemo di raccogliere ed impacchettare senza escludere che altro sarà acquistato.

Nel pomeriggio del 23 dicembre con la manifestazione pubblica “Arriva Babbo Natale” si distribuiranno i regalini ai bambini. Tale manifestazione avrà un’attività preparatoria che inizierà a fine novembre coinvolgendo i bambini nella scrittura di una letterina a Babbo Natale. Con dei volantini da distribuire nelle scuole Materne ed Elementari, s’inviteranno i bambini a scrivere la letterina e ad imbucarla in apposite buche preparate ad arte dai volontari e lasciate per 15 giorni presso i vari plessi. Contemporaneamente s’invitano i genitori a aderire all’iniziativa consistente nell’aiutare il bambino a scrivere la letterina, conoscendo quindi il regalo desiderato, il genitore l’acquisterà e lo consegnerà all’organizzazione che provvederà a farlo consegnare direttamente da Babbo Natale il 23 dicembre. L’iniziativa è aperta a tutti i bambini, ma nasconde un’attività sociale che è quella di contattare direttamente i bambini che non sono abituati a festeggiare in questo modo il Natale, anche se quest’anno sarà più semplice visto che già l’anno scorso l’associazione si è impegnata in questo senso, ed ha rotto un po’ l’isolamento di questi bambini.

Il pomeriggio del 23, dalle ore 16.00 Babbo Natale con il suo carretto, trainato da un bel cavallo procederà, accompagnato da un animatore, a consegnare i regali di frazione in frazione. Accolto ad ogni sosta da un piccolo gruppo musicale, che intratterrà anche le persone nell’attesa del suo arrivo, B N consegnerà i regali chiamando i bambini per nome. Saranno anche distribuite caramelle e cioccolatini. Quando B N lascia la frazione, anche il gruppo musicale si sposterà con un pulmino per raggiungere la tappa seguente intrattenendo l’attesa e così via fino alla conclusione della manifestazione che avverrà nella piazza principale con la consegna degli ultimi regali tra musica, caramelle e stelle filanti.

Domenica 28 dicembre i volontari cucineranno un succulento pranzo di capodanno e lo offriranno alle persone anziane sole, a famiglie in difficoltà e ad extra comunitari. Per evitare che possa essere considerato un pranzo tra i poveri, anche i volontari e le loro famiglie vi parteciperanno, inoltre, saranno invitate anche delle famiglie sensibili al sociale e autorità.

Il pranzo sarà animato da musiche e balli e per questa domenica la tombolata sarà svolta nel locale stesso.

Le persone anziane saranno raccolte dai volontari che provvederanno poi a riaccompagnarle.

Il lavoro dei volontari comincerà molto presto con la preparazione del pranzo, verso le ore 11.00 gli invitati cominceranno ad affluire e saranno intrattenute da attività d’animazione. Verso le ore 13.00 è previsto il pranzo che continuerà con balli canti e una tombolata finale.

“INSIEME PER UN NATALE DI PACE” si concluderà nel pomeriggio del 6 gennaio con la tombolata e per chi vorrà con la partecipazione alla messa serale per l’Epifania del Signore che la tradizione locale fa concludere con il bacio del Bambinello.

Metodologia

I regali per la tombolata saranno raccolti tra negozi e quanti ce ne vorranno fare dono, saranno confezionati e messi in palio. Nell’eventualità che saranno insufficienti qualche piccolo regalino sarà comprato.

Per la manifestazione del 23 occorrono volantini informativi, materiale per la costruzione delle cassette postali da depositare presso i vari plessi, regali per quanti non avranno i genitori che glieli compreranno, service audio luci, animatore, noleggio cavallo e carretto, vestito di Babbo Natale piccolo gruppo musicale.

Per il pranzo di domenica 28, spesa per il pranzo, locale, service audio luci, animatore, regalini per la tombolata, materiale vario per l'addobbo della sala.

 

Indietro

 

 

 

RELAZIONE ATTIVITA’

“INSIEME PER UN NATALE DI PACE”

L’Associazione A.G.A.PE. “Associazione Gioia e Amicizia per la Pelle” anche quest’anno, in occasione del Natale, ha voluto rivolgere la sua attenzione alle fasce più deboli realizzando il progetto “INSIEME PER UN NATALE DI PACE” che ha permesso, a quanti sono nel bisogno materiale, fisico, psicologico e sociale, di trascorrere alcuni momenti di serenità e di socializzazione.

Le attività sono iniziate lunedì 8 dicembre con l’accompagnamento di persone anziane alla celebrazione Eucaristica, presso il Convento S. Francesco di Bracigliano alle ore 10,00, per la festività dell’Immacolata Concezione festa che notoriamente e soprattutto per le persone anziane, apre le festività natalizie. Alla celebrazione, ha fatto seguito un momento di socializzazione con un piccolo rinfresco.

Le attività sono continuate con delle tombolate che purtroppo non abbiamo potuto realizzare come da progetto, poiché, venuto meno una promessa, non siamo più riusciti a trovare un luogo adatto e idoneo per svolgere tombolate serali. L’attività che prevedeva tombolate serali per tutti è stata cambiata in tombolate a domicilio preferendo, nella scelta, persone anziane che molto volentieri ci hanno ospitato. Le tombolate si sono svolte presso case di persone anziane che a loro volta hanno invitato altre persone anziane, l’associazione si è impegnata a portare tutto l’occorrente per il gioco e i premi che, visto i fruitori, non sono stati più regalini vari ma generi alimentari. L’attività è stata molto gradita dagli anziani, perlopiù donne, che hanno potuto trascorrere delle ore in compagnia.

            Un momento importante per la realizzazione del progetto “INSIEME PER UN NATALE DI PACE” ha visto protagonisti i bambini. Infatti, il 23 dicembre (nonostante il tempo inclemente che ci ha accompagnato prima durante e dopo) Babbo Natale ha consegnato, in una pubblica manifestazione, i regalini a circa 100 bambini di cui 25 bambini e 10 ragazzi facenti parte delle finalità sociali del progetto ossia fare un regalo e coinvolgere bambini in condizioni di disagio in manifestazioni di gioia e d’allegria altrimenti a loro chiuse. Pertanto, sono stati comprati regalini per i bambini frequentanti le scuole Elementari e Materne e materiale scolastico per i ragazzi delle scuole Medie. La manifestazione, ben organizzata con banda, majorets e Babbo Natale sul suo carretto, è stata disturbata dal cattivo tempo che non ci ha permesso di realizzare a pieno la manifestazione. Ma nonostante tutto i regalini sono stati consegnati per la gioia dei piccoli e dei grandi.

Altro momento importante è stato il pranzo sociale del 28 dicembre che ha riunito intorno alla mensa persone di tutti i ceti e di tutte le età. Il pranzo realizzato dai volontari ha ricevuto il plauso di tutti i commensali che tra ospiti, invitati e volontari ha raggiunto il numero di circa 70 persone. Il momento conviviale è stato rallegrato da canti balli e tombolate finali.

Tra gli ospiti, anziani soli, anziani con figli disabili, famiglie in condizione di disagio ed extracomunitari. Ad alcuni, che per motivi di salute non hanno potuto essere presenti, il pranzo gli è stato recapitato direttamente a casa.

Le attività si sono concluse martedì 6 gennaio 2004 con una variante. Infatti, le attività prevedevano la conclusione con la partecipazione degli anziani ad un altro momento religioso che per motivi d’orario e il tempo inclemente ha fatto saltare. E’ stato sostituito con un piccolo momento di gioia per i bambini che si sono visti consegnare, per le vie del paese, tante caramelle direttamente dalla Befana, magistralmente interpretata da un nostro volontario. (Foto delle manifestazioni 2003)   

 

 

Indietro

 

 

PRANZO SOCIALE 2003

Domenica 28 dicembre 2003

MENU

* * *

ANTIPASTO

Prosciutto, mozzarella e olive

primo

Cannelloni al sugo

Linguine ai funghi porcini

SECONDO

Rosbif con piselli

Fuselli con patate

dolce

Panettone con spumante

frutta

Frutta di stagione

Bevande

Acqua, Vino Aranciata, Coca cola Caffè

Indietro

 

 

 FESTA DELLA MAMMA 2003

“DOLCE MAMMA”

 RELAZIONE

Premessa

La festa della mamma è una ricorrenza che coinvolge più di ogni altra, vedi per es. la festa del papà, perché rivolgendosi all’immagine femminile per eccellenza “La Mamma”, gentile, buona, amorevole ecc., affascina emoziona e attira partecipazione soprattutto perché a riconoscere tutte le qualità di una donna “Mamma” sono proprio i figli che pur facendola arrabbiare per tutto l’anno non manca di riconoscere la sua importanza nel giorno della sua festa.

Pertanto, non volendo far morire questa tradizione o meglio riconoscimento per questa donna particolare vogliamo riprenderla a distanza di due anni e farla rivivere e migliorare sempre di più.

Nel 2000 infatti, come comitato promotore, abbiamo organizzato un piccolo spettacolo con bambini in onore della mamma intitolato “Cuore di Mamma”. In collegamento con tale spettacolo organizzammo anche un concorso dolciario intitolato “la Mamma più dolce dell’anno 2000”. L’anno successivo purtroppo non è stato ripreso per vari motivi tra cui anche economici.

Quest’anno essendoci costituiti in associazione ed occupandoci sia di attività sociali sia culturali vogliamo riprendere la manifestazione con relativo concorso anche perché essendo Bracigliano sede di un Parco Letterario non ci lasciamo sfuggire la passione di Gianbattista Basile che nelle sue fiabe non dimentica di citare noci, nocciole, mandorle, ciliegie, uva passa, canditi e fichi secchi, ingredienti non indispensabili ma che certamente offrono al pianeta dolce gusti e sapori tipicamente campani.

Per questo motivo, rivalutando la manifestazione vorremmo dare quel tocco che sia la spinta per una rivalutazione culturale e culinaria delle nostre tipiche tradizioni. Purtroppo per noi, però, abbiamo molte idee e tanta voglia di fare ma ci capita proprio come succede nel mondo del Basile, infatti, riprendendo un suo proverbio ci sentiamo proprio così: “Dio manna ‘e bbiscotte a chi nn’ ha ‘e diente” (Dio dona i biscotto a chi non ha denti). Siccome noi non facciamo parte di un mondo fiabesco se non ci si da una mano la nostra favola difficilmente finirà con lieto fine.

Finalità

In continuità con la festa della mamma 2000, oltre a dare il tributo che spetta a ogni Mamma per la sua missione decantandola in canzoni poesie e scenette interpretate dalle loro piccole pesti “i figli” vorremmo anche valorizzare le proprie qualità in particolar modo quello culinario dolciario dando loro la possibilità di farsi apprezzare anche fuori dell’ambito familiare organizzando appunto un concorso dolciario dove potrà far sbizzarrire la propria fantasia, e se utilizza ingredienti graditi al Basile offrirle un premio speciale. Il concorso dolciario sarà ovviamente aperto anche a tutti gli altri paesi aderenti al parco Letterario e ovviamente a tutti per un corretto coinvolgimento che sia promozione culturale.

 Destinatari

Destinatari di tale manifestazione sono:

·         i bambini, i figli, che con i loro canti, poesie e scenette chiedono dolcemente scusa alle loro mamme per tutte le pene che gli fanno passare e che almeno il giorno della loro festa sanno farsi perdonare;

·         le mamme che con la loro bravura in cucina sapranno farsi ben valere in una gara dolciaria tra colleghe.

·         Chiunque voglia assistere ad un o spettacolo di bambini dedicato alle mamme e degustare dolci tipici e non avendo la possibilità di dare il proprio parere facendo assegnare un premio detto “giuria popolare” che potrebbe essere completamente diverso da quello della giuria di esperti ed essere quindi protagonista comunque della manifestazione.

 Attività

1.       Invito ai bambini per la partecipazione alla manifestazione;

2.       incontri settimanali per le prove dello spettacolo;

3.       preparazione della parte canora dello spettacolo con organizzazione della parte scenografica con palco impianto luci, impianto microfoni, scenografie.

4.       preparazione del concorso con individuazione di giuria di esperti, regolamento, premi in concorso, degustazione dei dolci partecipanti e assegnazione del premio giuria popolare.

 Metodologia

Le attività saranno svolte con 2 incontri settimanali con i bambini che saranno guidati e preparati da 4 operatori che su spartito e basi musicali insegneranno i canti, le poesie e le scenette per lo spettacolo che si svolgerà domenica 11 maggio 2003 giorno in cui si festeggia la festa della mamma.

Due operatori saranno impegnati per il reperimento del materiale per lo spettacolo: palco, luci, microfoni, scenografie ecc.

Due operatori si occuperanno dell’organizzazione del concorso che si svolgerà nel corso dello spettacolo. Si acquisteranno i premi, delle pergamene per tutte le partecipanti, si stilerà il regolamento con l’individuazione della giuria di esperti e tutto quanto serve.

Quattro operatrici impegnate per permettere la degustazione dei dolci in gara.

Un addetto a permessi, autorizzazioni e varie.

 

 

Indietro

 

 

  
RELAZIONE E BILANCIO DELLA MANIFESTAZIONE

 “DOLCE MAMMA”

 La manifestazione in oggetto  ha voluto essere, per l’Associazione, non solo un momento di festa per i bambini che offrivano alle mamme l’augurio per la loro festa con canti, poesie e balli ma anche un momento di coinvolgimento e di integrazione di bambini in condizione di disagio. La manifestazione, inoltre, voleva anche essere un’occasione di raccolta fondi per l’acquisto di un pulmino per le attività associative.

I preparativi per la festa sono iniziati circa un mese e mezzo prima con l’invito ai bambini delle scuole elementari. Il contatto diretto con cinque bambini in condizioni di disagio per inserirli nel gruppo. Il lavoro degli operatori per la preparazione e le prove dello spettacolo, la ricerca di sponsor, l’invito a personaggi emergenti della moda, del ballo e del teatro che sono stati testimonial dello spettacolo.

La presentazione, le scenografie e i costumi sono stati realizzati dai volontari con dedizione e professionalità.

La manifestazione si è svolta in Bracigliano, nel Cortile del Palazzo De Simone domenica 11 maggio 2003 in occasione della festa della Mamma.

Lo spettacolo ha riscosso un notevole successo grazie anche al lavoro di volantinaggio dei volontari. In attesa dell’inizio dello spettacolo si potevano degustare patatine e zeppole nonché bibite varie.

L’unico neo della manifestazione è stata la mancanza pressoché totale di offerte per la realizzazione dell’acquisto del pulmino.

Se il bilancio economico della manifestazione è stato un po’ deludente ci consola il risultato positivo e più importante dei rapporti umani che si sono creati tra i bambini, gli operatori e di quanti si sono uniti spontaneamente a darci una mano la sera della festa, conclusasi per noi operatori alle 03.00 del mattino con un  lancio di palloncini che hanno portato in alto sogni e desideri di ognuno e sicuramente la speranza che il prossimo anno andrà ancora meglio.

 Indietro

 

 


CARNEVALE A.G.A.PE. 2003

Premessa

L’associazione A.G.A.PE. “Associazione Gioia e Amicizia per la Pelle” opera in ambito sociale e intende mantenere vivo il suo impegno istituzionale sul territorio coinvolgendo in manifestazioni pubbliche i soggetti delle fasce sociali più deboli, in particolare, di bambini dai 6 ai 13 anni, quali: disabili; e ragazzi appartenenti a famigli economicamente, culturalmente e socialmente disagiate; favorendo la creazione di uno spazio d’espressione e soprattutto di socializzazione ed integrazione.

Infatti, fino ad oggi tali bambini hanno avuto poca opportunità d’inserimento vivendo tutti i momenti di festa che il territorio offre in modo superficiale e marginale e, sempre dall’esterno mai come protagonisti.

Da altre attività svolte in cui loro dovevano essere i protagonisti, infatti, li abbiamo visti poco partecipativi proprio perché non abituati. Questo però, non ci scoraggia né ci demotiva anzi ci fa capire proprio che hanno un forte bisogno di coinvolgimento e sostegno per l’integrazione e la socializzazione che non mancherà da parte dell’associazione.

 Finalità

In continuità con le attività svolte nel periodo natalizio appena trascorso, dove le fasce sociali più deboli sono stati i protagonisti delle nostre attività, l’associazione Agape vuole coinvolgere i bambini e i ragazzi dai 6 ai 13 anni nella manifestazione carnevalesca al fine di coinvolgere quei bambini e quei ragazzi che per motivi sociali, culturali ed economici restano sempre esclusi da manifestazioni pubbliche.

L’associazione intende coinvolgerli nella preparazione del carro e permettere la partecipazione alle sfilate carnevalesche che insieme con altre associazioni si svolgeranno nel nostro paese.

Al fine di una buona socializzazione che porti pian piano ad una giusta integrazione nella vita sociale che normalmente, con difficoltà, vivono con i propri compagni più fortunati.

 Destinatari

Destinatari di tale proposta sono in bambini e i ragazzi, maschi e femmine, compresi tra i 6 e i 13 anni appartenenti a famiglie economicamente e socialmente più deboli nonché a ragazzi e ragazze portatori di handicap.

 Attività

1.       Individuare i ragazzi attraverso i Servizi Sociali e il Database dell’associazione per invitarli alla partecipazione;

2.       Contattare gli stessi attraverso l’approccio diretto presso la famiglia;

3.       Incontro con i ragazzi ai fini organizzativi;

4.       Confezionare le maschere per i partecipanti;

5.       Preparazione ed allestimento del carro e delle coreografie per lo svolgimento della manifestazione;

6.       Verifica post manifestazione con i protagonisti per un’auto valutazione della loro partecipazione al fine di verificare la loro reale socializzazione ed integrazione, scopo appunto della manifestazione.

 Metodologia

Le attività saranno svolte in gruppo per favorire la conoscenza e la cooperazione tra i ragazzi partecipanti.

In tal modo s’intende avviare un processo di socializzazione ed integrazione in contesti diversi da quelli frequentati abitualmente.

 Indietro

 

 

 

 

PROGRAMMA NATALIZIO 2002

 

23 Dicembre 2002

Inaugurazione dell’Associazione

 

* * *

23 Dicembre 2002

Consegna dei doni natalizi da parte di Babbo Natale

Nel voler valorizzare la favola di Babbo Natale e incentivare la fantasia buona dei Bambini, molto spesso tartassati da cartoni animati violenti, l’Associazione AGAPE propone, chiedendo anche la collaborazione con l’associazione “Amici di Casale”, con la Scuola e con il Parco Letterario, la ri-valorizzazione della lettera a Babbo Natale, come espressione di buoni propositi da parte del bambino che nel promettere di essere più buono per l’anno nuovo che verrà fa richiesta di un dono a Babbo Natale.

1a fase: COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA

Le insegnanti (ultimo ciclo delle Materne e scuole Elementari)devono essere disponibili a guidare il bambino sia nel racconto della favola di Babbo Natale sia nell’indicazione di come scrivere la lettera a Babbo Natale seguendoli e guidandoli anche nella scelta del regalo da chiede che non deve essere impossibile facendo presente che ci sono tanti bambini che non hanno la possibilità di chiedere dei regali.

Le lettere saranno imbustate e imbucate in apposite cassette delle lettere predisposte nei vari plessi.

2a fase: LE ASSOCIAZIONI

Le associazioni che si impegneranno per questa attività dovranno predisporre dei volantini informativi per la scuola e dei volantini per i ragazzi da portare a casa che serviranno per coinvolgere i genitori. Predisporre quanto occorre per la raccolta selezione catalogazione e individuazione dei doni per il bambino.

In particolare l’associazione AGAPE s’impegna nel coinvolgere sia i bambini che le famiglie dei bambini a rischio o in particolari condizioni.

3a fase: AMMINISTRAZIONE COMUNALE

l’amministrazione deve impegnarsi all’acquisto del dono che un bambino in difficoltà chiede e che la famiglia pur coinvolta è impossibilitata per vari motivi a comprare quanto richiesto dal figlio.

4a fase: PARCO LETTERARIO

Il Parco, intitolato al grande genio della favola BASILE, dovrebbe prendersi l’onere del finanziamento della manifestazione di consegna dei doni con il recupero di una slitta da addobbare secondo la tradizione con drappi rossi e campanelle, procurarsi le renne, un vero vestito di Babbo Natale, l’amplificazione e l’animazione.

 

* * *

30 Dicembre 2002

Pranzo Natalizio con famiglie indigenti, anziani soli

ed extracomunitari.

Il pranzo sarà preparato dai volontari stessi che assieme a famiglie particolarmente sensibili debitamente invitate condivideranno tutti assieme un’agape fraterna.

Il senso del pranzo è di avvicinare le persone bisognose all’associazione favorendo la socializzazione.

05 Gennaio 2003 - Arriva la Befana

Arriva la Befana un animatore vestito da befana porterà per il paese in varie tappe le caramelle ai bambini che incontra.

  

Indietro

 

 

 

 

La ricerca della felicità e il disagio della vita quotidiana.

 .Non la scienza, ma la carità

ha trasformato il mondo, in alcuni periodi.

(da uno scritto di San Giuseppe Moscati del 1922)

  

La società, nelle sue varie espressioni,  - politica, culturale, spirituale ecc.- deve aiutare l’uomo a trovare o a ri-trovare la sua dimensione di essere umano, di persona che ha diritto a vivere una vita felice, fatta di equilibrio emozionale, di serenità di rapporti umani: in famiglia, tra genitori e figli, in età infantile, adolescenziale, adulta, nei rapporti con gli altri.

L’uomo deve essere aiutato  a vivere non solo della sua dimensione di impegno sociale o di lavoro, ma anche affettiva, nel senso di non sentirsi soltanto parte di un ingranaggio i cui meccanismi sono a lui oscuri,  ma soggetto  protagonista della sua storia e in relazione armoniosa  con il creato e le creature.

  Volantino

 

Indietro